Decreto di emissione degli assegnati della Repubblica Romana (1798)

Roma 3. Complementario Anno VI.
Art. I. Il Consolato ordina, che gli Assegnati prescritti dalla Legge 23. Fruttifero siano concepiti, e fabbricati colla formula seguente.
Repubblica Romana
Il primo dell’Anno 7. Repubblicano
Assegnato di Paoli ( ) ipotecato su i Beni Enfiteutici in vigore dell’ Art. X. della Legge dei 23. Fruttifero
Vaglia per tutti i Dipartimenti della Repubblica Romana
Art. II. Li detti Assegnati non saranno più incisi in rame ma incisi in ottone, per potersi imprimere col torchio da Stampa.
Art. III. I Contorni saranno diversi per ogni valore di Assegnato.
Art. IV. Ogni Assegnato avrà in mezzo il valore scritto in lettere, e secondo i diversi valori saranno diverse le grandezze delle lettere. Art. V. Avrà due Bolli, uno coi Fasci Consolari, e l’Iscrizione = Repubblica Romana = l’altro la figura della libertà, l’iscrizione, Fede pubblica.
Art. VI. Nel Rovescio avrà ogni Assegnato un bollo diverso esprimente il suo valore in iscritto, ed in Abaco a numeri grandi.
Art. VII. Il Bollo suddetto sarà rotto, e poi riunito.
Il Presidente del Consolato Pierelli
Dal Consolato il Segretario Bastai
Per Copia Conforme
il Ministro delle Finanze De Rossi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.