Notizie e curiosità sulle banconote in euro

Banconote 20 euro Europa differenze sicurezza 2015bLa BCE ha fatto emettere alla Banca d’Italia il taglio da 20, 50 e 100 Euro nel 2008 e nel 2007, 20 e 50 nel 2006, 50 e 100 nel 2005. Non è detto che una banconota di uno stato sia effettivamente stata stampata nello stesso stato (vedere codice stato e codice poligrafico). Alcuni stati hanno più stamperie per le banconote. Il motivo è che stampano un gran numero di banconote, per il fabbisogno interno per gli altri stati UE, per le proprie dipendenze (nel caso di Gran Bretagna codici A ed H e Francia codici L (Banque de France, France – Chamalières) ed E (F. C. Oberthur, France – Chantepie)) e anche per altri paesi nel mondo. La seconda stamperia francese è privata (la E) e anche quella inglese (la H), mentre entrambe le stamperie tedesche sono quelle ufficiali della Bundesbank.

P corrisponde alla zecca di Lipsia (Banconote);
R corrisponde alla zecca di Berlino (Banconote);
A corrisponde alla zecca di Berlino (monete);
D corrisponde alla zecca di Monaco di Baviera (monete);
F corrisponde alla zecca di Stoccarda (monete);
G corrisponde alla zecca di Karlsruhe (monete);
J corrisponde alla zecca di Amburgo (monete);

Tagli:

5 Euro:
Banconota 5 euro prima serie 2002 aBanconota 5 euro prima serie 2002 b
Dimensioni: 120 x 62 mm
Colore: grigio
Stile architettonico: Classico

10 Euro:
Banconota 10 euro prima serie 2002 aBanconota 10 euro prima serie 2002 b
Dimensioni: 127 x 67 mm
Colore: rosso
Stile architettonico: Romanico

20 euro:
Banconota 20 euro prima serie 2002 aBanconota 20 euro prima serie 2002 b
Dimensioni: 133 x 72 mm
Colore: blu
Stile architettonico: Gotico

50 Euro:
Banconota 50 euro prima serie 2002 aBanconota 50 euro prima serie 2002 b
Dimensioni: 140 x 77 mm
Colore: arancione
Stile architettonico: Rinascimentale

100 Euro:
Banconota 100 euro prima serie 2002 aBanconota 100 euro prima serie 2002 b
Dimensioni: 147 x 82 mm
Colore: verde
Stile architettonico: Barocco e Rococò

200 Euro:
Banconota 200 euro prima serie 2002 aBanconota 200 euro prima serie 2002 b
Dimensioni: 153 x 82 mm
Colore: giallo-marrone
Stile architettonico: Architettura del XIX secolo

500 Euro:
Banconota 500 euro prima serie 2002 aBanconota 500 euro prima serie 2002 b
Dimensioni: 160 x 82 mm
Colore: violetto
Stile architettonico: Architettura moderna del XX secolo

Numero seriale:
seriale Il numero di serie si trova sul retro di ogni banconota Euro. Esso consiste di una lettera seguita da 11 cifre oppure due lettere e 10 cifre, per la nuova serie di banconote Europa. La prima lettera del numero di serie indica la nazione incaricata a produrre quella banconota. In realtà è possibile che la banconota venga stampata in un paese diverso da quello indicato nel numero di serie, vedere la sezione sottostante riguardante il codice del poligrafico.

Codice del poligrafico:
Il codice del poligrafico è una breve sequenza di lettere e numeri che si trova sul fronte della banconota. La prima lettera del codice del poligrafico identifica la zecca che ha stampato la banconota. Ci sono una o due lettere per ogni paese di Eurolandia, associate a un numero seriale, riportato invece sul retro. I tre numeri successivi identificano invece il fogliBanconota codice poligraficoo di stampa che è stato usato per la banconota. Infine, l’ultima lettera e l’ultimo numero individuano quella che era la posizione della banconota nel foglio di stampa. Il codice del poligrafico è in un certo senso nascosto. È sempre stampato sul fronte di ogni Eurobanconota, ossia dove appare l’anno e non il lato dove si trova il codice seriale. Cercate una breve sequenza di lettere e numeri, come ad esempio “J003A6”.
* 5 €: nella parte più a sinistra della zona colorata, circa 1 cm sopra alla O di EURO
* 10 €: dentro la stella, sopra e leggermente a destra rispetto alla O di EURO
* 20 €: dentro la stella più a sinistra
* 50 €: sopra l’ologramma
* 100 €: la prima parola del testo che si trova tra la finestra e le stelle
* 200 €: a destra della stella più a sudovest, scritto in verticale
* 500 €: dentro la stella più a sinistra.

Anno:
Sul fronte di ogni banconota, in alto, è stampato un anno vicino alla sigla ECB. Questo anno non indica né l’anno di stampa della banconota, né l’anno in cui la banconota è stata disegnata o immessa in circolazione, bensì sembra che l’anno riportato indichi solo l’anno in cui è stato messo in circolazione il disegno di quella specifica banconota,. Attualmente questo corrisponBanconota annode al 2002 per tutte le banconote. Ovviamente la ECB non ha considerato la nuova firma di Trichet un motivo valido per registrare un “nuovo design” per le banconote, ma questo cambierò una volta che le nuove banconote di Euro con nuove caratteristiche di sicurezza saranno messe in circolazione nei prossimi anni.

Firma del Presidente della Banca Centrale Europea:
Banconote firma DuisenbergBanconote firma Trichet
Banconota firma
1° Wim Duisenberg (1º giugno 1998 – 31 ottobre 2003), 2° Jean-Claude Trichet (1º novembre 2003 – 31 ottobre 2011), 3° Mario Draghi (1º novembre 2011-oggi).

Altri segni e simboli:Banconota simboliI sette tagli della serie di banconote in euro recano la rappresentazione di portali e finestre sul fronte (recto) e di ponti sul retro (verso). Tutti i sette tagli sono caratteristici dei diversi periodi dell’arte europea sopra indicati. Tra gli elementi del disegno figurano:
a) il simbolo dell’Unione europea;
b) il nome della moneta negli alfabeti romano e greco e, in aggiunta, per la seconda serie delle banconote in euro, il nome della moneta nell’alfabeto cirillico;
c) l’acronimo della BCE nelle diverse lingue ufficiali dell’Unione europea; per la prima serie delle banconote in euro, l’acronimo della BCE è limitato alle seguenti cinque lingue ufficiali:
BCE, ECB, EZB, EKT e EKP e, in aggiunta, per la seconda serie delle banconote in euro, l’acronimo della BCE è limitato alle seguenti nove lingue ufficiali: BCE, ECB, ЕЦБ, EZB, EKP, EKT, EKB, BĊE e EBC;
d) il simbolo © a indicare che il diritto d’autore appartiene alla BCE;
e) la firma del presidente della BCE.
F) Figura geometrica in rilievo, sitrova vicino la firma del presidente della BCE, delle piccole linee verticali. Sono realizzate in rilievo e se sfregate leggermente con l’unghia si sentono gli scalini.

Banconote Serie EUROPA (dal 2013):
Dal 2013, la Banca Centrale Europea ha deciso di sostituire le banconote della prima serie con nuove banconote al fine di migliorarne le caratteristiche di sicurezza. La cartamoneta, infatti, oltre a presentare un restyling grafico, è anche dotata di maggiori dettagli contro la contraffazione. I bozzetti della nuova banconota da 5 euro sono stati presentati il 10 gennaio 2013, in occasione di una cerimonia tenutasi presso il Museo archeologico di Francoforte sul Meno, dal presidente della BCE Mario Draghi. Essa è entrata in circolazione il 2 maggio dello stesso anno. La banconota dello stesso taglio della prima serie continuerà a circolare parallelamente alla nuova; sarà ritirata gradualmente e avrà corso legale sino a data da stabilirsi. Il nuovo disegno della banconota da 10 euro è stato presentato il 13 gennaio 2014 da Yves Mersch, mentre i nuovi biglietti sono entrati in circolazione il 23 settembre dello stesso anno. La nuova banconota da 20 euro è stata presentata il 24 febbraio 2015 nella nuova sede della BCE a Francoforte sul Meno da Mario Draghi, ed è entrata in circolazione il 25 novembre dello stesso anno. Le banconote di taglio superiore saranno sostituite in maniera graduale negli anni successivi. La novità grafica di maggior rilievo è la presenza, nell’ologramma e nella filigrana delle nuove banconote, del ritratto della principessa Europa, figura della mitologia greca, da cui il nome di serie Europa. Tale ritratto è stato ricavato da un cratere greco conservato presso il Museo del Louvre. Il tema architettonico e il colore delle banconote restano gli stessi della prima serie. La nuova serie di banconote reca le iniziali della Banca Centrale Europea in 9 versioni (BCE, ECB, ЕЦБ, EZB, EKP, EKT, EKB, BĊE, EBC), contro le 5 della prima. Inoltre, la scritta euro è presente anche in alfabeto cirillico, per il sopraggiunto ingresso della Bulgaria nell’Unione. Resta ferma la presenza sul retro della mappa geografica dell’Europa, che ora include anche Malta e Cipro, paesi che nel frattempo sono entrati nell’Unione e che prima non erano visibili, mentre la firma del Presidente della Banca centrale europea si sposta sotto la bandiera Europea. Il millesimo “2002”, comune a tutte le banconote della prima serie, viene sostituito con il millesimo dell’anno di prima emissione della singola banconota, ovvero, tra le banconote finora presentate, “2013” per la banconota da 5 euro, “2014” per quella da 10 euro e “2015” per quella da 20 euro. Nei prossimi anni verranno emesse le banconote da 50, 100 e 200 euro. Dal 2018 la banconota da 500 euro non sarà più prodotta, ma le banconote in circolazione, avranno valore legale e potranno essere cambiate senza nessun limite di tempo.

Tagli:

5 Euro:
ECB_5_euro_banknotesECB_5_euro_banknotes
Serie “Europa”
Dimensioni: 120 x 62 mm
Colore: grigio
Stile architettonico: Classico
Data di emissione: 2 maggio 2013

10 Euro:
Nuova banconota da 10 euro 2014Nuova banconota da 10 euro 2014 b
Serie “Europa”
Dimensioni: 127 x 67 mm
Colore: rosso
Stile architettonico: Romanico
Data di emissione: 23 settembre 2014

20 euro:
Banconota-da-20-euro-serie-europa-2015rBanconota-da-20-euro-serie-europa-2015z
Serie “Europa”
Dimensioni: 133 x 72 mm
Colore: blu
Stile architettonico:Gotico
Data di emissione: 25 novembre 2015

50 Euro:
50 euro Banconota serie europa A50 euro Banconota serie europa B
Dimensioni: 140 x 77 mm
Colore: arancione
Stile architettonico: Rinascimentale
Data di emissione: 4 aprile 2017

100 Euro:
(non ancora emessa)
Dimensioni: 147 x 82 mm
Colore: verde
Stile architettonico: Barocco e Rococò

200 Euro:
(non ancora emessa)
Dimensioni: 153 x 82 mm
Colore: giallo-marrone
Stile architettonico: Architettura del XIX secolo

Numero di serie:
Dal 2013: Il numero di serie riportato sul retro delle banconote della serie “Europa” si compone di un numero orizzontale stampato in nero e di un numero verticale stampato in un diverso colore. Il numero orizzontale è formato da due lettere e dieci cifre: la prima lettera indica l’officina carte valori (cfr. l’elenco seguente); la seconda non ha un significato particolare e rende solo possibile generare più numeri di serie.

Tecnologie anticontraffazione:
Le tecnologie anticontraffazione promosse dal Central Bank Counterfeit Deterrence Group (CBCDG), al quale aderiscono dieci delle principali autorità emittenti banconote a livello mondiale, scoraggiano la contraffazione digitale e, impedendo la produzione di falsi, riducono le perdite per gli individui e le imprese che ne potrebbero entrare in possesso. Il Counterfeit Deterrence System consiste in un insieme di tecnologie anticontraffazione che non permettono ai personal computer e ai dispositivi per l’elaborazione di immagini digitali di acquisire e riprodurre l’immagine di banconote protette. Il suo obiettivo è precludere la riproduzione non autorizzata dei biglietti. Tuttavia, per finalità legittime la BCE mette a disposizione immagini ad alta risoluzione delle banconote.

Carta:
Toccando una banconota. Ha una particolare sonorità e consistenza dovuta alle fibre di puro cotone con cui è fatta. Le banconote sono abbastanza rigidi e non hanno aspetto cerato.50 euro serie europa Sicurezza Tocca Carta

Ologrammi:
Le banconote da 5, 10 e 20 euro presentano una banda olografica sul lato desBanconota da 20 euro serie europa 2015 caratteristiche 1tro della Banconota 20 euro ologramma finestra 2015faccia frontale. Questa banda viene stampata con il valore nominale della banconota ripetuto più volte (ad es. “€5 €5 €5…” sulla banconota da 5 euro). Sulla banda olografica delle nuove banconote è rappresentato il volto della figura mitologica di Europa. Per i tagli maggiori (da 50 a 500 euro), al posto della banda viene impressa una placchetta olografica.

Striscia iridescente:
Al centro del retro delle banconote da 5, 10 e 20 euro è impressa una striscia iridescente che riporta il valore nominale della banconota ripetuto più volte. Tale striscia è visibile inclinando la banconota sotto una fonte luminosa.

Inchiostro cangiante:
Cifre scritte con inchiostro cangiante su una banconota da 50€
Sulle banconote da 50, 100, 200 e 500 euro il valore nominale nell’angolo in basso a destra del retro è stampato con un inchiostro cangiante (o otticamente variabiBanconote serie europa Inchiostro cangiantele), ossia che cambia colore a seconda dell’inclinazione. Osservando la banconota con angolazioni differenti, infatti, il colore delle cifre del valore nominale passa dal viola al marrone al verde oliva e viceversa. Se, incliBanconota 20 euro ologramma numero 2015nando la banconota, il colore del numero non varia, la banconota è palesemente falsa. L’inchiostro cangiante è presente anche sui tagli più piccoli della nuova serie di banconote, introdotte a partire da maggio 2013.

Costellazione di EURione:
Banconote serie europa costellazione orioneLe banconote euro contengono sul loro sfondo un motivo noto col nome di EURion constellation (basato sul disegno formato dalla posizione delle stelle della costellazione di Orione), che viene impiegato per il riconoscimento delle banconote autentiche e per prevenirne la contraffazione.

Filigrana:
Filigrana standard: Cbanconota 10 euro 2014 ciascuna banconota viene stampata con una filigrana che raffigura un particolare dello stile architettonico presente su di essa ed il valore nominale. La filigrana è visibile ponendo la banconota in controluce.
Filigrana digitale: Come l’EURion constellation, per scoraggiare la contraffazione, nel disegno delle banconote è integrata anche una filigrana digitale. Le più recenti versioni dei programmi di fotoritocco come Adobe Photoshop rifiutano in automatico l’acquisizione dell’immagine della banconota dopo aver rilevato tale filigrana.
Filigrane infrarosse ed ultraviolette: Se esposte ai raggi infrarossi, le banconote originali mostrano aree più scure in zone differenti a seconda del valore nominale. sul fronte del biglietto sono visibili solo il numero verde smeraldo, il lato destro dell’immagine principale e la striscia argentata. Sul retro sono Banconote serie europa filigrana ultraviolettoosservabili unicamente la cifra del valore e il numero di serie orizzontale. Se esposte a raggi ultravioletti (UV),  la carta non diventa fluorescente, cioè non emette luce ed è scura. appaiono le fibrille incorporate nella carta; ciascuna mostra tre diversi colori. Banconote-serie-europa-filigrana-ultravioletto 4Le stelle della bandiera dell’UE, i cerchietti e le stelle di grandi dimensioni diventano gialli, come altre parti della banconota. La firma del Presidente della BCE appare in verde.Le stelle di grandi dimensioni e i cerchietti stampati sul fronte diventano fluorescenti. La cartina, il ponte e la cifra del valore nominale riprodotti sul retro appaiono in giallo. Banconote-serie-europa-filigrana-ultravioletto 3Se esposte invece ai raggi ultravioletti (UVC), l’EURion constellation viene messa in risalto con un forte contrasto, così come alcune zone che appaiono fluorescenti, le stelle di grandi dimensioni e altre parti della banconota risultano arancioni. Diventa inoltre visibile il simbolo €.

Microscrittura:

Banconote serie europa microscrittureIn alcune aree della banconota sono presenti scritte di piccole dimensioni. La microscrittura diventa leggibile con una lente di ingrandimento. I caratteri sono nitidi, ossia non sfocati.

Inchiostro magnetico:
Alcuni disegni della banconota utilizzano un inchiostro magnetizzato.

Perforazioni:
Tenendo una banconota in controluce, nell’ologramma si scorge il simbolo “€” formato da perforazioni. È inoltre riportata la cifra indicante il valore in caratteri di piccole dimensioni.

Registro di stampa:
In tutte le banconote della prima serie il valore nominale in alto a sinistra sul fronte è parzialmente stampato, ossia appare incompleto, e la sua controparte si trova in alto a destra sul retro. Per visualizzarlo correttamente, basta porre la banconota in controluce; se la banconota è autentica, le due parti combaceranno perfettamente, a differenza di quella falsa, in cui risulteranno non allineate.

Stampe in rilievo:
Alcune aree delle banconote sono impresse in riliebanconota 10 euro 2014 avo per essere riconoscibili al tatto, tra cui le sigle “BCE ECB EZB EKT EKP” nella parte alta del fronte. Nella nuova serie di banconote le scritte in rilievo sono BCE, ECB, ЕЦБ, EZB, EKP, EKT, EKB, BĊE e EBC, e si trovano nella sinistra della banconota. Per sentire la stampa in rilevo, basta sfiorare la banconota con i polpastrelli o sfregarli delicatamente con l’unghia. Questa carattestica è fondamentale per agevolano il riconoscimento dei biglietti da parte dei non vedenti e delle persone con problemi visivi.

Filo di sicurezza:
Mettendo una banconota originale in controluce, si può notare una sottile banda magnetica scura che l’attraversa in mezzo. Tale Banconote serie europa Filo sicurezzabanda, chiamata filo di sicurezza, reca al suo interno il valore nominale della banconota affiancato alla dicitura “euro” per le banconote della prima serie mentre nella serie europa la scritta è sostituita da “€”.

Codice a barre:
Sempre in controluce sono visibili alcune barre metalliche a destra della filigrana. Il numero e la larghezza di queste barre indicano il valore della banconota. Se rilevate tramite scanner, le barre vengono convertite tramite la codifica Manchester.

Tabella dei codici a barre

Banconota Codice a barre Codifica Manchester
€5 0110 10 100
€10 0101 10 110
€20 1010 1010 0000
€50 0110 1010 1000
€100 0101 1010 1100
€200 0101 0110 1110
€500 0101 0101 1111

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.