Estonia: Rotolino 2 euro commemorativo “Strada dell’Estonia di indipendenza” 2017.

L’Estonia nel 2017 ha emesso dei rotolini contenenti 25 monete da 2 euro commemorativa dedicata alla “Strada dell’Estonia di indipendenza” e agli eventi che hanno preceduto l’indipendenza dell’Estonia in qualità UNC. La moneta realizzata da Jaan Meristo, è raffigurato il tronco sinuoso di una quercia affiancato, da un lato, dai rami e, dall’altro lato, dalle foglie. I rami simboleggiano l’epoca di rivoluzioni e privazioni da cui è andata spianandosi la via verso l’indipen¬denza dell’Estonia; le foglie simboleggiano la forza, le realizzazioni e la longevità dell’Estonia. In basso, a sinistra della curva del tronco, è iscritta la dicitura «MAAPÄEV» (Dieta provvisoria dell’Estonia), con sopra l’anno «1917». In basso, sul lato destro, figura il nome del paese di emissione «EESTI» con sotto l’anno di emissione «2017». Sull’anello esterno della moneta figurano le 12 stelle della bandiera dell’Unione europea. Il 100° anniversario della Repubblica di Estonia cade nel 2018. Ma lo Stato non è stato fondato in un solo giorno. L’Estonia ha ottenuto l’autonomia dopo la rivoluzione di febbraio in Russia nel 1917. Quando è stata stabilita la provincia di Estonia. Valore facciale: 25×2 euro
Qualità: UNC
Peso rotolino: 212,50 grammi
Peso moneta: 8,50 grammi
Diametro: 25,75 millimetri
Spessore: 2,20 mm
Metallo: CuNi25 – CuZn20Ni5/Ni/CuZn20Ni5 (rame-nichel; parte interna a tre strati: nichel-ottone, nichel, ottone)
Progettista: Jaan Meristo
Zecca: Lituania
Tiratura: max 1.500.000 di cui 10.000 coincard in versione BU
Data emissione: 26 giugno 2017 online e 27 giugno nel Museo.

Estonia: Bozzetto 2 euro commemorativo 100° anniversario degli Stati Baltici 2018.

Come vi avevamo annunciato il 21 marzo 2017 e l’11 aprile 2017, l’Estonia insieme alla Lettonia e la Lituania nel 2018, emetteranno una moneta da 2 euro commemorativa dedicata al 100° anniversario degli Stati Baltici. La moneta che rappresenta le tre sorelle baltiche con i capelli intrecciati. L’Estonia celebra il centenario dell’indipendenza, il 24 febbraio. La moneta è stata selezionato tramite un concorso a cui hanno partecipato due progettisti per ogni stato dell’emissione congiunta.
Valore facciale: 2 Euro
Diametro: 25,75 mm
Peso moneta: 8,5 grammi
Spessore: 2,20 mm
Metallo: CuNi25 – CuZn20Ni5/Ni/CuZn20Ni5
Progettista: Justas Petrulis (Lithuania)
Zecca: Lituania
Tiratura: max 500.000 di cui 15.000 in versione BU
Prezzo emissione: 7 euro
Data emissione: 2018.

Estonia: programma emissioni numismatiche per l’anno 2019.


Estonia monete da collezione per il 2019:
2 euro commemorativo dedicato al “150° anniversario del primo festival della canzone”;
– Coincard 2 euro commemorativo dedicato al “150° anniversario del primo festival della canzone”;
2 euro commemorativo dedicato al “100° anniversario della fondazione della lingua estone Università di Tartu”;
– Coincard 2 euro commemorativo dedicato al “100° anniversario della fondazione della lingua estone Università di Tartu”;
– 10 euro argento commemorativo dedicato alla “Hanseatic Viljandi ″ seconda moneta della serie “le città della Lega Hansa”;
– 10 euro argento commemorativo dedicato al “200° anniversario della nascita di Johann Voldemar Jannsen”;
*In continuo aggiornamento.

Estonia: 2 euro commemorativo “100° anniversario della fondazione dell’Università di Tartu” 2019.

L’Estonia nel 2019 emetterà una moneta da 2 euro commemorativa dedicata al “100° anniversario della fondazione dell’Università di Tartu”. L’Università di Tartu è l’ateneo della città di Tartu, in Estonia. Considerata dagli estoni l’università nazionale, è stata fondata nel 1632 dal re di Svezia Gustavo Adolfo II. In seguito alla conquista dell’indipendenza dell’Estonia, nel 1919 l’università divenne un’istituzione estone. Dopo la prima, breve occupazione sovietica del 1940 (conseguente al Patto Molotov-Ribbentrop), nel 1941 Tartu tornò sotto il controllo della Germania nazista, che ripristinò per la città e per la sua università il nome di “Dorpat”. Nel 1944 la definitiva occupazione sovietica delle repubbliche baltiche da parte dell’Unione sovietica sancì la sottomissione al potere comunista dell’ateneo fino al 1991. Durante il periodo sovietico la lingua primaria dell’insegnamento rimase l’estone, anche se alcuni corsi erano tenuti in russo. I percorsi accademici furono però uniformati a quelli dell’Unione sovietica, e tracce di questa caratteristica sono rintracciabili ancora oggi. Il pieno ritorno all’autonomia accademica dell’università risale al 1992, l’anno successivo alla riconquista dell’indipendenza da parte dell’Estonia. Nel corso della sua storia è stata anche indicata come Universität Dorpat, nome tedesco della città di Dorpat, Academia Gustaviana, Università di Jur’ev e Тартуский университет. Fa parte del Gruppo di Coimbra. L’Estonia nel 2019 emetterà anche un’altra moneta da 2 euro commemorativa dedicata al “150° anniversario del primo Festival Nazionale della Canzone in Estonia 2019”. *Image fantasy.
Valore facciale: 2 Euro
Diametro: 25,75 mm
Peso moneta: 8,5 grammi
Spessore: 2,20 mm
Metallo: CuNi25 – CuZn20Ni5/Ni/CuZn20Ni5
Progettista:
Tiratura: da definire
Data emissione: 2019.

Estonia: 2 euro commemorativo “150° anniversario del primo Festival Nazionale della Canzone in Estonia” 2019.

L’Estonia nel 2019 emetterà una moneta da 2 euro commemorativa dedicata al “150° anniversario del primo Festival Nazionale della Canzone in Estonia 2019”. Il Festival della Canzone Estone, in lingua estone üldlaulupidu, è uno dei più importanti eventi coristici amatoriali del mondo. Si tiene ogni 5 anni in luglio presso l’Auditorium del Festival della Canzone Estone a Tallinn, in Estonia. Festival della Canzone Estone affonda le sue origini nel risveglio nazionale estone verso la metà del XIX secolo. Nell’estate 1869 il primo festival si svolse a Tartu. A partire dalla sesta esizione del Festival, nel 1896, la manifestazione si trasferì nella capitale estone, Tallinn. Dal 1947, con l’occupazione, le autorità sovietiche obbligarono l’organizzazione ad introdurre canzoni in lingua straniera nella competizione. Nel 1989 partirono da qui le prime manifestazioni pacifiche della Rivoluzione cantata, contro l’occupazione straniera sovietica. Il Festival della Canzone estone è stato proclamato Patrimonio Orale e Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO nel 2003 e nel 2008, è stato inserito nella lista rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO. L’Estonia nel 2019 emetterà anche un’altra moneta da 2 euro commemorativa dedicata al “100° anniversario della fondazione dell’Università di Tartu”. *Image fantasy
Valore facciale: 2 Euro
Diametro: 25,75 mm
Peso moneta: 8,5 grammi
Spessore: 2,20 mm
Metallo: CuNi25 – CuZn20Ni5/Ni/CuZn20Ni5
Progettista:
Tiratura: da definire
Data emissione: 2019.